Gli ultrasuoni in fisioterapia

In fisioterapia gli ultrasuoni forniscono un aiuto fondamentale nel trattamento di numerosi disturbi. Si tratta, essenzialmente, di vibrazioni acustiche che l’orecchio umano non è in grado di percepire e che in ambito terapeutico vengono ottenuti in maniera artificiale utilizzando la proprietà di cristalli minerali che subiscono l’azione di un campo di corrente alternata. Comprimendosi e dilatandosi, tale campo emette le vibrazioni degli ultrasuoni: l’irradiazione così prodotta dà vita a un micro-massaggio di grande intensità che interviene sui tessuti in profondità. Come conseguenza della vibrazione, le strutture intercellulari e cellulari si urtano e generano calore: insomma, oltre a un effetto meccanico, si produce anche un effetto termico. La terapia con ultrasuoni permette di rilassare muscoli contratti e ha un effetto antalgico; da non sottovalutare, inoltre, l’effetto trofico e l’azione fibrotica. Per esempio, la ultrasuonoterapia risulta particolarmente indicata per epicondiliti, morbo di Dupuvtren, periartriti di omero e scapola (anche con calcificazioni), nevriti, sciatalgie. Assolutamente controindicata, invece, in presenza di flebiti acute, osteoporosi e neoplasie situate vicino agli organi sessuali.

Particolarmente utile, per esempio, si rivela la terapia ad ultrasuoni per il trattamento del colpo di frusta. Nel momento in cui gli ultrasuoni entrano all’interno del corpo, le varie particelle interne, per effetto delle vibrazioni, vengono mosse, e la stessa cosa accade per il liquido infiammatorio, che di conseguenza risulta stimolato a riassorbirsi. Gli ultrasuoni, in pratica, non sono altro che onde acustiche la cui frequenza è compresa tra uno e tre mega-hertz. Ottenuti attraverso lo stesso metodo impiegato per l’ecografia, vengono prodotti sfruttando il cosiddetto effetto piezoelettrico inverno.
Gli ultrasuoni, inoltre, producono calore cedendo al tessuto che attraversano energia. Un secondo effetto causato è quello dell’incremento della permeabilità della membrana delle cellule, che agevola dunque l’ingresso di sostanze nutrienti e al tempo stesso l’eliminazione delle scorie. Occorre sottolineare che nel corpo le onde penetrano in maniera inversamente proporzionale rispetto alla frequenza. Per fare un esempio, gli ultrasuoni con una frequenza di tre mega-hertz raggiungono una profondità di un centimetro, mentre gli ultrasuoni con una frequenza di un mega-hertz raggiungono una profondità di tre centimetri. Va detto, per altro, che l’applicazione sul corpo non risulta dolorosa e tantomeno invasiva.

ULTRASUONOTERAPIA

La macchina che genera gli ultrasuoni è composta da una testa emittente e un generatore di corrente, e produce una potenza di uscita inferiore ai tre watt. Il trattamento, in genere, dura al massimo dieci o quindici minuti, e i modi di applicazione possibili sono due: con la testina fissa o con la testina mobile. Il primo modo viene utilizzato quando l’area che deve essere trattata è piuttosto limitata, come per esempio uno sperone calcaneare; al secondo modo, invece, si ricorre per zone meno circoscritte. La testina fissa viene bloccata e tenuta ferma attraverso un braccio meccanico, mentre la testina mobile, chiamata anche testina a massaggio, impone che il fisioterapista scorra sulla cute del paziente il manipolo, eventualmente frizionandolo. Gli ultrasuoni si rivelano particolarmente efficaci per il trattamento di capsuliti, tendiniti, borsiti, artrosi, ematomi organizzati, infiammazioni articolari, tessuti cicatriziali, flogosi e calcificazioni periarticolari, soprattutto nella prima fase. Per fare un esempio, diversi studi evidenziano che grazie all’applicazione degli ultrasuoni la frattura della tibia guarisce in tempi ridotti del quaranta per cento rispetto alla norma.
Le controindicazioni, viceversa, valgono specialmente per vene varicose, protesi articolari, osteoporosi con turnover alto, tessuti neoplastici, tromboflebiti e gravidanze, oltre a presenze di frammenti di natura metallica. Grazie alla terapia ad ultrasuoni l’osteopatia e la fisioterapia permettono di risolvere diversi disturbi in maniera semplice e rapida. L’approccio si rivela decisamente dolce, e naturalmente pone al primo posto il rispetto dell’intera struttura anatomica. Per quel che riguarda il colpo di frusta, per esempio, l’ultrasuono interviene sulla zona soggetta a uno spostamento inatteso e brusco, e risolve il problema senza trattamenti dolorosi.

Le tecniche di applicazione sono essenzialmente due: a immersione o per contatto. Si ricorre al primo caso nel momento in cui le zone che devono essere trattate si rivelano molto dolenti oppure troppo piccole: l’organo colpito dalla patologia viene immerso in acqua a una temperatura di trentasette gradi. La tecnica per contatto, invece, prevede l’utilizzo di elettrodi, mobili o fissi, che entrano in contatto con la cute, separati – in caso di necessità – da un gel). Per la modalità a contatto i tempi vanno da un minimo di cinque a un massimo di dieci minuti, mentre per l’applicazione della modalità a immersione richiede al massimo quindici minuti (ma bisogna fare attenzione a evitare che la temperatura dell’acqua si abbassi: in quel caso, l’efficacia della terapia si riduce). Sebbene gli effetti positivi degli ultrasuoni in fisioterapia risultino provati fisicamente, è opportuno segnalare che l’efficacia reale, in presenza di patologie ossee, muscolari o tendinee o di ematomi, infiammazioni e fratture, dipende da diversi fattori, che non sempre possono essere quantificati. Ci riferiamo, per esempio, alla frequenza di applicazione e al numero di sedute, alla correttezza delle modalità e alla frequenza delle onde.

ultrasuoni-acqua

Si tratta, come si può facilmente intuire, di fattori talvolta aleatori e variabili (per esempio è difficile controllare che nell’intera durata del trattamento la temperatura dell’acqua venga mantenuta costante). In altre parole, più che risultati di guarigione sicuri, è lecito aspettarsi, dalla fisioterapia con ultrasuoni, notevoli riduzioni del dolore: essa, dunque, si rivela ideale per nevriti e sciatalgie, anche se molti studi evidenziano effetti curativi nell’azione di disgregazione delle calcificazioni.
In conclusione, si può sostenere senza timore di essere smentiti che l’applicazione degli ultrasuoni in fisioterapia rappresenta una soluzione indicata per alleviare il dolore e ridurre la sofferenza in presenza di numerosi disturbi: per poter ottenere risultati definitivi, tuttavia, in alcuni casi è bene affiancare alle onda ad alta frequenza altre terapie.

 

Advertisements

One thought on “Gli ultrasuoni in fisioterapia

I commenti sono chiusi.